Come scegliere i colori di casa secondo il Feng Shui

Nella pratica del Feng Shui, si comprende che ogni colore porta con sé una specifica forma di energia. Questo concetto rispecchia la dualità fondamentale del Tao, con il bianco rappresentante il massimo dello yang e il nero il massimo dello yin. Essendo il Feng Shui radicato nelle tradizioni taoiste, questo principio è centrale nella sua applicazione. Ogni colore è intrinsecamente legato a una delle cinque energie fondamentali, trasmettendo quindi informazioni sottili al nostro inconscio profondo. Di conseguenza, la scelta accurata delle tonalità degli ambienti della nostra casa diventa cruciale, poiché influisce sul flusso di energia e sull’equilibrio degli spazi in cui viviamo.

Guida al Colore Feng Shui: Consigli per un Equilibrio Armonioso negli Ambienti Domestici

Esploriamo ora, ambiente per ambiente, alcune indicazioni generali del Feng Shui riguardo al colore più appropriato, tenendo presente che la scelta del colore per ciascun ambiente dipende da almeno cinque fattori fondamentali:

  • la collocazione all’interno dell’immobile,
  • l’orientamento della stanza,
  • la sua funzione e tipo di attività svolta,
  • le caratteristiche personali degli abitanti,
  • l’aspetto estetico desiderato.

Nelle abitazioni, si cerca un equilibrio armonioso tra lo yin e lo yang per recuperare energie, mentre nei luoghi di lavoro si tende a uno squilibrio favorevole per stimolare l’attività e l’efficienza. Tuttavia, è importante sottolineare che per ottenere indicazioni precise sul colore più adatto a ciascun ambiente, è consigliabile consultare un esperto consulente Feng Shui.

Quali colori sono più adatti per il Soggiorno?

Nel soggiorno, secondo il Feng Shui, si consiglia di optare per tonalità di rosso, arancione o giallo per creare un ambiente caldo e accogliente, pur mantenendo un uso parsimonioso, specialmente per il rosso. D’altra parte, tonalità di verde o blu possono favorire una sensazione più rilassante e pacifica. Ma, attenzione all’uso del blu: pur essendo appropriato, è importante considerarne l’effetto rilassante. È fondamentale evitare colori troppo intensi che potrebbero sopraffare gli altri elementi dell’ambiente, come l’area relax, il caminetto o il tavolo, compromettendo il giusto equilibrio visivo.

Tuttavia, se una parete colorata diventa un elemento caratterizzante, può essere una strategia efficace per enfatizzare quella parte della stanza. Una parete con tonalità più scure o intense può trasmettere una sensazione di protezione e sicurezza, ideale per esempio dietro il divano, seguendo il concetto della “Tartaruga Nera” come insegnato dalla Scuola della Forma. D’altro canto, è sconsigliato l’uso eccessivo di nero o tonalità molto scure, poiché potrebbero rendere l’ambiente eccessivamente yin e non adatto alla socialità e alla vitalità.

Quali Sono i Colori Migliori per la Camera da Letto?

La camera da letto, nel contesto del Feng Shui, è considerata la stanza più importante in quanto rappresenta il santuario personale dove si ricerca pace e rigenerazione. Questo spazio è inteso come un rifugio, una sorta di “tana” dove ci si libera dalle tensioni quotidiane e ci si abbandona a un sonno ristoratore. Per garantire un ambiente favorevole al riposo, è essenziale mantenere un equilibrio energetico che promuova tranquillità e protezione. Questo si traduce nell’evitare elementi che possano risultare attivanti o carichi di energia, poiché potrebbero interferire con la capacità di rilassarsi e addormentarsi.

Per questo motivo, si suggerisce l’utilizzo di colori con caratteristiche yin, che tendono a indurre una sensazione di calma e serenità. Le tonalità opache e a tinta unita sono particolarmente consigliate, in quanto favoriscono un’atmosfera di quiete.

D’altra parte, colori come il blu profondo, che rappresenta un’eccessiva prevalenza di yin, e il rosso acceso, simbolo di energia yang intensa, possono risultare sconsigliati poiché potrebbero disturbare il sonno. È importante quindi evitare tonalità troppo vivaci o fantasiose che potrebbero interferire con la capacità di addormentarsi e mantenere un sonno profondo e rigenerante.

Quali tonalità di colore sono consigliate per la Cucina?

Nella progettazione secondo i principi del Feng Shui della cucina, è cruciale fare attenzione alle tonalità cromatiche scelte al fine di mantenere l’armonia dell’ambiente e promuovere il benessere sia fisico che mentale. Tonalità come il blu scuro, il bianco puro, i grigi freddi e i colori riflettenti, insieme al nero e alle grandi superfici gialle o eccessivamente saturate, possono compromettere questo equilibrio.

L’uso del rosso va attentamente ponderato, specialmente in prossimità dei fornelli e dei forni, poiché un’eccessiva presenza di questa tonalità potrebbe generare un surplus di energia Fuoco, portando potenzialmente a discussioni e tensioni familiari, soprattutto se la cucina è orientata a Sud. Si consiglia pertanto di bilanciare eventuali eccessi di energia Fuoco con altri colori più rilassanti.

Secondo i principi del Feng Shui, se la cucina è posizionata nella zona nord, è consigliabile optare per tonalità verdi, rappresentative dell’elemento Legno, al fine di favorire la crescita e infondere vitalità all’ambiente. Nel caso la cucina si trovi nella zona nord-ovest, si consiglia di prediligere colori Terra come ocra e marroni, in modo da promuovere stabilità e solidità. Queste scelte contribuiscono a creare un ambiente armonioso e accogliente, ideale per la preparazione e la condivisione di pasti in famiglia.

Per garantire una scelta cromatica adeguata, è consigliabile consultare un esperto poiché la cucina è influenzata da diverse energie che richiedono un equilibrio accurato. In generale, si suggerisce una combinazione armoniosa di tonalità chiare e morbide, integrate da accenti caldi e vivaci, al fine di creare un ambiente accogliente e sereno.

Quali colori scegliere per lo studio o ufficio di casa?

La scelta del colore per l’arredamento di un ufficio è un processo complesso che dipende da una serie di fattori, tra cui le dimensioni dello spazio, il tipo di attività svolta e l’utilizzo specifico dell’ambiente, ad esempio, se si ricevono clienti o meno. Non esistono regole fisse riguardo ai colori da utilizzare in un ambiente lavorativo, ma è fondamentale considerare diversi aspetti per garantire un ambiente stimolante e produttivo. In tal senso, è consigliabile ricorrere a una consulenza professionale di Feng Shui per individuare le migliori soluzioni cromatiche.

In alternativa, in assenza di conoscenze specifiche sull’argomento, è possibile optare per colori neutri e chiari, integrando qualche accento di colore dietro o davanti alla postazione di lavoro. Questo approccio permette di creare un ambiente sobrio ed elegante, con tocchi di vivacità che possono favorire la concentrazione e la creatività. Inoltre, è importante tenere conto dei suoi effetti sull’umore e sul benessere degli occupanti dell’ufficio.

Ad esempio, tonalità di blu e verde possono favorire una sensazione di calma e tranquillità, mentre il giallo può stimolare la creatività e il rosso, se usato con parsimonia, può aumentare l’energia e la motivazione.

Il colore bianco aiuta la concentrazione, ma è importante fare attenzione a non creare un ambiente completamente bianco e asettico, poiché ciò potrebbe generare un clima di competizione e stress eccessivo tra i lavoratori.

In definitiva, la scelta del colore per l’ufficio deve essere accuratamente ponderata, tenendo conto delle specifiche esigenze e dell’ambiente circostante, al fine di creare un ambiente di lavoro ottimale.

Quali colori utilizzare per il Bagno?

Anche nella selezione dei colori per il bagno, non esiste una regola assoluta o un consiglio universale del Feng Shui. Tuttavia, è consigliabile evitare colori come ocra, marrone e giallo, associati all’energia della Terra, così come quelli legati all’elemento Fuoco, come il rosso, l’arancione e il giallo, anche se vi possono essere delle eccezioni. In generale, tonalità di verde, blu, azzurro e bianco, insieme a sfumature di grigio, risultano essere ottimali per l’ambiente del bagno. Il verde è associato alla freschezza e alla vitalità, mentre il blu e l’azzurro evocano sensazioni di tranquillità e relax, ideali per favorire un’atmosfera rilassante durante il bagno. Il bianco, invece, contribuisce a creare una sensazione di pulizia e luminosità, mentre le tonalità di grigio possono aggiungere eleganza e sobrietà all’ambiente. Tuttavia, la scelta del colore dipenderà anche dalle dimensioni del bagno, dalla quantità di luce naturale disponibile e dallo stile generale dell’abitazione.